Un fine settimana tra stelle e margherite
6 e 7 ottobre 2018 *  Moncalieri (Torino) * 
_CIA7191.jpg

C’era una volta un albero che si slanciava verso le nuvole quasi volesse toccarle.

Il suo tronco forte era radicato a terra, la sua corteccia in alcuni punti era ruvida, in altri liscia un po’ come le mille contraddizioni della vita. Chi vi si appoggiava avvertiva subito la sua forza e la sua energia.

Le sue fronde si intrecciavano in un groviglio accogliente, quasi un dolce abbraccio e la sua verde chioma ispirava serenità.

Poi c’erano tante piccole foglioline attaccate come per magia che si muovevano vivaci ondeggiando su e giù come bimbi che si dondolano su un’altalena.

La linfa scorreva al suo interno unendo ogni parte e nutrendo ogni cellula della pianta. A un tratto arrivò un soffio di vento a sussurrare parole sconosciute. 

Le foglie si agitavano e alcuni teneri virgulti si lasciarono andare fra le braccia di quella brezza leggera.

Subito l’albero avvertì il distacco, soffrì quella partenza improvvisa che parve definitiva.

Parve lacrimare e oscillare senza una direzione. Poi il suo sguardo si posò sulla foresta che lo circondava. E lì vide altri alberi come lui, con la stessa sofferenza nel vedere volare via le loro foglie.

Allora si sentì compreso e alzando le sue braccia frondose verso il cielo le unì in preghiera.

La serenità entrò in lui vedendo le sue amate foglie raggiungere il cielo e volteggiare felici.

 

Questa piccola storia vuol essere un modo per rappresentare noi, genitori di una stella. Abbiamo voluto immaginare la famiglia come un albero formato dal papà: il tronco, la mamma: la chioma, le foglie: i figli e la linfa: l’amore che li unisce.

Il vento è Dio e le foglioline che volteggiano in cielo sono le nostre stelle, quei bambini che hanno cambiato la nostra vita e ci hanno resi più forti.

_CIA7194.jpg
incontro6ottobre2018.jpg

Video delle giornate a Moncalieri

La nostra onda di luce inizia ... e quando le candele si accendono e camminiamo lungo la navata, il nostro cuore vibra come la fiamma della candela, il cielo tocca la terra, la famiglia è finalmente riunita in un unico respiro, in unico battito, un unico cuore.