Genitori di una stella,lutto perinatale,morte intrauterina,morte prenatale,morte perinatale. Un' associazione per chi, come noi, deve affrontare la morte del proprio figlio Giornata del ricordo, ottobre mese della consapevolezza del lutto perinatale

 

Genitori di una stella

Un'associazione per chi, come noi, deve 

affrontare la morte perinatale del proprio figlio

Giornata del ricordo 2015

Leggi tutta la storia del nostro:

 

Guarda il nostro video per l'onda di luce e la giornata a Roma

Un fine settimana tra stelle e margherite

 

3 e 4 ottobre 2015 *  Viterbo * 

 

Descrizione immagine
Descrizione immagine


Descrizione immagine
Descrizione immagine

La nostra onda di luce inizia, le candele accese vengono portate all'altare


Le candele vengono portate all'altare, la fiamma è già accesa e insieme passiamo lungo la navata, commosse, perchè ogni volta è sempre un'emozione nuova, forse perchè li senti così vicini a te che non puoi fare a meno di far uscire una lacrima mista alla malinconia e alla gioia di essere riunite sotto un unico cielo. 


Le parole di Verusca e Katia, organizzatrici di questa giornata speciale 


Buonasera a tutti, siamo Verusca e Katia ed oggi siamo qui perché siamo due mamme divise tra cielo e terra; nel nostro cielo ci sono Andrea e Leonardo.

Non è sempre facile parlare di noi e del nostro cielo stellato, far capire a tutti che dal profondo dolore per la perdita di un figlio, si può rinascere e trarre degli insegnamenti.

Siamo i GENITORI DI UNA STELLA…  oggi qui a Viterbo ma provenienti da ogni parte d’Italia per iniziare, come ogni anno un’onda di luce in ricordo dei nostri bambini alati che nel loro breve passaggio su questa terra ci hanno lasciato un grande dono: l’amicizia che supera le distanze e il tempo,la forza di andare avanti nonostante il dolore.

GENITORI DI UNA STELLA ci piace immaginarla come una piazzetta dove ci si incontra,si parla e si viene e si va liberamente. Io Verusca, in questa piazzetta ho trovato tanto amore e tanto sostegno da chi ha iniziato ad elaborare questo lutto prima di me; poi sulla mia strada ho incontrato Katia con Leonardo non più nella pancia e nemmeno tra le braccia e le nostre stelline ci hanno aiutato a percorrere la strada che ci ha portato qui oggi.

Perché oggi? perchè ad Ottobre? Perchè Ottobre è il mese in cui in tutto il mondo si celebra la Giornata della Consapevolezza del lutto perinatale e noi genitori di una stella vorremmo far capire a tutti che anche se li abbiamo conosciuti solo noi, i nostri figli sono esistiti ed esistono nei nostri cuori e ogni giorno ci fanno grandi regali: le amicizie vere, la famiglia, fratelli e sorelle aarcobaleno…

…Arcobaleno perché ci piace pensare così dei nostri figli nati dopo la tempesta, quando un raggio di sole si fa strada prepotentemente tra la pioggia.


Grazie a: Andrea, Leonardo, Linda, Emma, Giada, Giacomo, Clelia, Alessandro, Gaia, Lorenzo, Linda, Francesco, Angela, Elia, Damiano, Giorgia, Marianna, Maria, Celeste, Marco, Diego, Gianluca, Andrea e Mattia.

Grazie a tutti e in particolare a Ilaria e Giovanna senza le quali tutto questo non sarebbe stato possibile, perché sono loro con le loro esperienze e con la loro volontà hanno creato tutto questo.



Descrizione immagine

Preghiera per la vita
(Benedetto XVI 27 Novembre 2010)


Signore Gesù,
che fedelmente visiti e colmi con la tua Presenza
la Chiesa e la storia degli uomini;
che nel mirabile Sacramento del tuo Corpo e del tuo Sangue
ci rendi partecipi della Vita divina e ci fai pregustare la gioia della Vita eterna;
noi ti adoriamo e ti benediciamo.
Prostrati dinanzi a Te, sorgente e amante della vita
realmente presente e vivo in mezzo a noi, ti supplichiamo.
Ridesta in noi il rispetto per ogni vita umana nascente,
rendici capaci di scorgere nel frutto del grembo materno la mirabile opera del Creatore,
disponi i nostri cuori alla generosa accoglienza di ogni bambino che si affaccia alla vita.
Benedici le famiglie, santifica l’unione degli sposi, rendi fecondo il loro amore.
Accompagna con la luce del tuo Spirito le scelte delle assemblee legislative,
perché i popoli e le nazioni riconoscano e rispettino la sacralità della vita, di ogni vita umana.
Guida l’opera degli scienziati e dei medici,
perché il progresso contribuisca al bene integrale della persona
e nessuno patisca soppressione e ingiustizia.
Dona carità creativa agli amministratori e agli economisti,
perché sappiano intuire e promuovere condizioni sufficienti
affinché le giovani famiglie possano serenamente aprirsi alla nascita di nuovi figli.
Consola le coppie di sposi che soffrono a causa dell’impossibilità ad avere figli,
e nella tua bontà provvedi.
Educa tutti a prendersi cura dei bambini orfani o abbandonati,
perché possano sperimentare il calore della tua Carità,
la consolazione del tuo Cuore divino.
Con Maria tua Madre,
la grande credente, nel cui grembo hai assunto la nostra natura umana,
attendiamo da Te, unico nostro vero Bene e Salvatore,
la forza di amare e servire la vita,
in attesa di vivere sempre in Te, nella Comunione della Trinità Beata.
Amen.

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

I pensieri delle mamme, letti durante la messa


Verusca * Katia * Ilaria * Giovanna * Antonella * Laura * Michela * Stefania *

Loredana * Federica * Silvia * Francesca * Papà Federico e mamma Alessandra

 

E i pensieri delle mamme che non sono potute venire


Silvia, Livia e Daniela



Mamma Verusca
Mio piccolo grande Andrea, mi piace parlare di noi attraverso i versi di una canzone che amo:
Quando tutte le parole sai che non ti servon più,quando sudi il tuo coraggio per non
startene laggiù, quando tiri in mezzo Dio o il destino o chissà che, che nessuno te lo spiega perché
sia successo a te…
…quando tira un po' di vento che ci si rialza un po' e la vita è un po' più forte del tuo
dirle "grazie no" Quando sembra tutto fermo la tua ruota girerà
Sopra il giorno di dolore che uno ha…
In questi 7 anni anche noi abbiamo sentito quel vento che ci ha rialzato un po', mi piace pensare che quel vento sei tu,che ogni giorno e sotto diverse forme ci fai sentire la tua presenza.
Ti chiediamo di aiutare i genitori dei tuoi nuovi amichetti a sentire quel vento che li
rialzerà un po'…
Con tanto amore mamma,babbo e i tuoi fratelli

Mamma Katia
Leonardo,luce delle nostre vite,sogno interrotto nel giorno delle stelle cadenti,aiutaci a comprendere che il nostro immenso dolore di oggi, un giorno potrebbe diventare la forza della nostra grande ed unita famiglia.

Mamma Ilaria
Il mio pensiero questo anno é per due bambini che fanno parte del mio cuore, Linda, figlia, sorella, custode della nostra vita con il suo amore eterno che risplende sulla sua famiglia e Diego bambino che ha toccato le nostre vite
lasciando una storia di grande amore e di profondo affetto in tutte le persone che hanno avuto la fortuna di conoscerlo.
Li immagino per mano, Diego e la mia Linda, così come le mie figlie terrene lo hanno coccolato in terra, lei sono sicura che saprà coccolarlo in cielo mostrandogli come si può vivere ogni giorno nel cuore di una mamma ... e di un babbo.
Trasmetteranno la propria beatitudine come riflesso nella nostre vite, è si perché essere il babbo e la mamma di un angelo non è compito facile, è un compito che ogni giorno i nostri figli ci insegnano, imparando nuovamente a viverli e a sentirli, ma l'amore no, sarà quello di sempre che ci lega in ogni istante della nostra vita.
Per loro, noi vivremo in un attimo, cos'è una vita, anche fosse di cent'anni, quando poi per abbracciarci e amarci avremo l'eterno.
Credo in tutto questo da tredici anni e per me ora è una certezza.
Buon cammino, mamme, genitori, non temete e siate sicuri per mano a vostro figlio, saprà regalarvi ancora immense gioie.

Mamma Giovanna
Presto saranno dieci: dieci anni di te, dieci anni con te e non senza di te.
Se non ci sono più lacrime e la cicatrice non si apre quasi mai, è regalo della tua presenza, dei tanti modi in cui ci hai insegnato a riconoscerti nelle nostre vite. Sei il soccorso nell'invocazione dello sconforto, l'interlocutore immaginario nelle nostre gite fuori porta, l'angelo custode che mette una pezza all'irruenza di tuo fratello.
La tua mamma e il tuo papà il senso di questa famiglia tra cielo e terra l'hanno trovata, accompagnaci nel modo più giusto a testimoniare la ricchezza che ci dai anche a chi incontriamo nella sofferenza e donaci forza per le difficoltà e le nuove sfide che troveremo sul nostro cammino.
Continua ad essere la più saggia di tutti e quattro, quella con la vista più lunga, le braccia più larghe e la voce più potente. La ascolteremo come sempre nel cuore, dove tu sei e rimarrai.
La tua mamma Giovanna, il tuo papà Paolo e tuo fratello Emanuele

Mamma Antonella
Ciao bambina chi ti scrive è la tua mamma, colei che ti ha amata fin dal giorno in cui feci il test di gravidanza...che emozione...che sorpresa.. subito all'istante mi presi cura di te ti parlavo ti cantavo la ninna nanna ogni sera ti davo il buongiorno e la buona notte tutti i giorni ti raccontavo ciò che vedevo con i miei occhi...purtroppo un giorno i ruoli si sono invertiti.. invece di prendermi io cura di te hai iniziato a prenderti tu cura di me...
lassù mancavano stelle e angeli...ma sai benissimo che se anche la distanza, la mancanza che ho di te è immensa, dolorosa, lacerante ti sento viva e mai smetterò di parlarti di raccontarti.. il segreto è fare tutto come se...fare tutto come se vedessi solo il sole e non qualcosa che non c'è..ci ho messo un po' e ci sto ancora lavorando.. non passa giorno che io non pensi a te, al profumo che avresti avuto e di cui non avrei potuto fare a meno, al faccino e a tutte le smorfie che avresti fatto, a tutti i vestitini che ti avrei messo alla prima volta che ti avrei avuto tra le mie braccia, ma invece ricorderò solo il tuo nome alla prima volta che ti ho sentita muovere dentro di me...
TI AMO MARIA..PER SEMPRE LA TUA MAMMA"

Mamma Laura
Ci chiamano genitori speciali, mi piace molto questo aggettivo perché vuol dire che siamo fuori dalla norma. Questo essere e sentirsi così "diversi"è proprio grazie a te, nostro piccolo Elia, arrivato sulla terra in un grande insopportabile silenzio, ma entrato dentro di noi con la forza di un terremoto che ha fatto tremare i nostri cuori, le nostre vite.
In tutti questi anni sei cresciuto in noi come un semino, che si è trasformato in un bellissimo fiore, che arricchisce i nostri cuori, riempie le nostre mani di speranze, alimenta i nostri animi di gratitudine verso quel tempo che non abbiamo trascorso con te, ma attraverso te!
Oggi sei il nostro fiore preferito, unico esemplare per i nostri cuori, con i petali fragili ma con le radici forti che ci ha resi dei "diversi" perché abbiamo una risorsa in più, una fonte da cui attingere tanta energia e amore... E sei tu, nostro piccolo Elia.
È grazie a te che abbiamo imparato a sognare ed è proprio rincorrendo questi sogni che oggi possiamo re incontrarti nello sguardo dei tuoi fratelli e sogneremo ancora e ancora, perché i sogni non si smette mai di rincorrerli e quando non avremo più la forza per farlo, uno solo resterà vivo: riabbracciare il nostro piccolo
angioletto!

Mamma Michela
Sono passati già 19 mesi dalla tua nascita per il cielo, sembra ieri... il dolore, lo sgomento stanno lasciando posto alla speranza. Il tuo amore immenso lo hai dimostrato in ogni modo, rassicurandoci che dopo la notte viene sempre il giorno, donandoci la serenità necessaria per affrontare questi mesi di visite e controlli.
Stiamo affrontando la vita con il sorriso, con il tuo sorriso, sicuri che un giorno ci riabbracceremo e quel giorno sarà il bello di tutti.
Mamma, Papà e Pietro."

Mamma Stefania
Dolce Gaia con la tua Luce hai illuminato le nostre vite, cambiandoci totalmente e guidandoci in ogni istante. É splendido sentirti sempre vicina, riconoscerti negli occhi dei tuoi fratellini e avvertire il tuo ricordo dolce e profondo in quelli che ti hanno incontrato anche solo con il pensiero.

Mamma Loredana
Loryelory. Questa ormai è la nostra firma nel cuore, io e te, Loredana e Lorenzo, da tanti anni ormai, tu mio figlio, io tua mamma … Quest'anno non siamo soli, nel nostro zaino del ricordo portiamo anche Alessandra e Federico, loro con il piccolo Francesco, che è già tuo amico di scorribande tra le nuvole. Più che due semplici
amici, sono due giovani genitori che mi stringono il cuore ed a cui cerco di trasmettere forza e speranza … Due genitori affaticati dal dolore ma stretti uno all'altro dall'amore che li unisce. Un amore schietto, vivace, sincero e teneramente triste. Il nostro incontro ha sicuramente la "regia del Cielo", un breve viaggio con la Parrocchia, un tenero gioco del parroco le cui intenzioni erano quelle di farci socializzare sotto il segno della fede.
Ognuno di noi, a caso, doveva prendere dal sacchetto contenente tutti i nostri nomi, il nome della persona a cui avrebbe dedicato una preghiera, un pensiero sotto la volta della Basilica di Loreto. Senza svelarne il nome F, fino al viaggio di ritorno, ognuno di noi, nel proprio cuore avrebbe affidato al Cielo le intenzioni della persona scelta. Io ho fatto presto ad individuare gli occhi tristi di Alessandra e vicino a lei il sorriso carico di emozione di Federico. Ignari, sia io che loro, dell'esperienza dell'altro. Poi, una parola, uno sguardo e io capisco chi è Alessandra, è la mamma di Francesco nato in Cielo ed i cui funerali si sono tenuti in Parrocchia pochi mesi prima… Mi trema il cuore e chiamo Te, Lorenzo, a darmi la forza di trovare la preghiera giusta per questi genitori così giovani e già tanto grandi nel saper affrontare la risalita del dolore… Aspetto con ansia di risalire sul bus per consegnare ad Alessandra il mio pensiero di mamma e un piccolo rosario acquistato a Loreto, è pieno di colori a rappresentare la gioia e la vivacità dei bimbi anche se in Cielo. Tocca a me, mi alzo e raggiungo i posti iniziali, chiamo Alessandra al microfono e dopo poche parole gonfie di commozione, spero di raggiungere in fretta il mio posto per lasciare andare finalmente le lacrime e recriminarmi di non aver saputo dire abbastanza … Ma Alessandra mi trattiene, lei ha scelto il mio nome nel sacchetto, ci siamo scelte a vicenda, e non può essere un caso, …'Sti bimbi ci hanno messo le ali… E nelle sue parole, sicuramente più decise perché ignare della mia vita di mamma speciale, ho trovato l'ennesima risposta del Cielo, insieme si può…Si può credere all'amore dei nostri figli in Cielo, si può credere al miracolo della vita, si può credere che l'amore non muore… Io e Te stasera, lo sentiamo nel cuore, Figlio mio – Loredana

Mamma Federica
Dolcissima Marianna, anche se non possiamo tenerti per mano,ti teniamo al sicuro nel cuore.
La tua presenza nella nostra famiglia è un dono prezioso; un dono che noi custodiremo PER SEMPRE . ...superando ogni limite. ...tra la terra e il cielo !
Con tutto l'amore possibile mamma e papà .


Mamma Silvia
Vorrei incontrarti nei miei sogni, per vedere che bella bimba saresti oggi.
A questo pensiero sul mio viso spunta un sorriso e lo dedico a te, figlia mia.
Ti amo
La tua mamma, per sempre

Mamma Francesca
Giacomo, angelo nostro, con te siamo morti, poi grazie a te siamo rinati.
Illuminaci sempre il cammino, noi ti seguiremo. Con infinito amore, la tua mamma e il tuo papà
Francesca

Papà Federico e mamma Alessandra
Francesco nostro, amore di mamma e papà, il nostro primo pensiero per te è: Grazie! Grazie per averci concesso il privilegio di essere stati scelti da te!
La tua venuta e la tua presenza nella nostra vita, tanto desiderata e voluta, ci ha colmato di una gioia immensa, indescrivibile… In questi mesi ti abbiamo vissuto in pieno. Abbiamo sentito e amato i tuoi dolci e simpatici colpetti nella pancia della tua mamma che cresceva insieme a te, ci hai regalato momenti di tenerezza ed entusiasmo.
Credevamo di aspettare ed accogliere un bimbo nella nostra casa, ci stavamo preparando, con tutti i nostri limiti, a diventare tuoi genitori, guida ed esempio per la tua vita. Non sapevamo di avere un angioletto in mezzo a noi, non sapevamo che saresti stato tu a doversi prendere cura di noi, di tutti noi, al punto che c'è già
chi ti prega oltre alla tua mamma ed al tuo papà.
Non è stato e non è assolutamente facile accettare tutto questo senza un'indicibile sofferenza, che nasce dalla tua mancanza fisica, dal non poterti stringere forte forte fra le braccia e dal non poter sentire la tua voce.
Solo la fede può alleviare un dolore così, solo la fede ti aiuta a comprendere che la vita vera non finisce quando un cuoricino si ferma.
In fondo, come si fa a disperarsi se lassù in cielo c'è un angioletto che assomiglia a noi? Questo può essere solo che un onore! Lo sai Francesco cosa scrisse tuo nonno Mario in una sua poesia? Che a chi parte per un viaggio meraviglioso non si può che rivolgergli un sorriso. Cercheremo di fare così anche noi, consapevoli di saperti ora nella pienezza della Luce.
Francesco nostro, hai avuto anche il merito di unire nell'amore ancora di più mamma e papà. Non che prima ce ne fosse poco.
Le emozioni e le sensazioni di questi mesi d'amore non andranno mai perdute, anzi continueranno ad accompagnarci in tutte le gioie e le esperienze che vivrà la nostra famiglia.
I nostri cuori saranno uniti per sempre!
25 settembre 2014 

 

E quelli delle mamme che non sono potute venire:

Mamma Silvia
Piccola Linda, sei passata nelle nostre vite, lasciando un dolore devastante ma insieme tanta speranza ed amore. Da quella luce sono arrivate 2 sorelline dolcissime e in cui tu tutt'ora vivi attraverso i loro sorrisi, la loro ingenuità le loro voglia di vivere.
Un'altra sorellina è in arrivo e siamo certi che accompagnerai anche lei nel meraviglioso ma faticoso viaggio in questa terra. Grazie di esserci nella nostra famiglia e di darci la forza per superare le difficoltà!

Mamma Livia
Tu ci hai insegnato che la morte non divide.
Che si muore solo quando nessuno pronuncia più il tuo nome.
E a te non è capitato.
Noi ti nominiamo ogni giorno e ogni giorno vivi con noi.
Col tuo nome, Angela o come diciamo noi Angelina.
Ancora e ancora.

Mamma Daniela
Caro angioletto Giada,tu sei il NOSTRO angioletto, tu sei per noi il nostro punto di riflessione, di conforto...ogni volta che abbiamo bisogno di sentirti e vederti, sappiamo bene cosa fare: "ti cerchiamo nel nostro cuore...poi alziamo lo sguardo al cielo, e tu sei Lí, che ci guardi con una luce meravigliosa!"
Spesso mi chiedo come sarebbe stata la nostra vita con te qui con noi...poi cerco di darmi delle risposte e credo che Dio aveva in mente tanti progetti x te al suo fianco....e allora chiudo gli occhi e penso che tu, Amore Mio, tu, sei sempre pronta ad indicarci la strada giusta, ad asciugare le nostre lacrime e a farci sentire la tua presenza quando più ne abbiamo bisogno...quindi sei qui con noi Amore Mio...e lo sarai x sempre,nei nostri Cuori!
Grazie per aver scelto due meravigliosi bimbi arcobaleno come fratelli!!!
Ti amiamo...mamma Daniela, papà Aldo, Mattia e Aurora

Descrizione immagine

Un grazie alla parrocchia di Santa Barbara che ci ha ospitato e a don Claudio che ha contribuito a rendere questo giorno speciale

Tutti noi mamme e papà di una stella

Descrizione immagine

I papà

Le mamme

Descrizione immagine
Descrizione immagine

15 ottobre 2015

Descrizione immagine

Quest'anno siamo andate a Roma per il Baby Loss, con le altre associazioni che fanno parte della consulta COESI.

Abbiamo condiviso l'intera giornata con Pensiero Celeste, Piccoli Angeli, La quercia Millenaria, Safety and Life, Semi per la Sids e Salvamento Academy.

Una bellissima esperienza ... insieme si può

 

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

le candele brillano in ogni parte d'Italia e oltre ... ecco l'onda di luce

 

Il video dedicato alle candele che ogni anno i genitori, nonni, zii, fratelli, sorelle e amici di una stella, accendono nella giornata del 15 ottobre, dedicata alla consapevolezza sul lutto perinatale. Queste candele hanno brillato in tutte le case di Italia, per ricordare i bambini che sono passati su questa terra, ma il loro ricordo brilla ogni giorno nei nostri cuori.

Le nostre giornate del ricordo negli anni